Razionale Scientifico

Gli argomenti che saranno presentati riguardano i progressi che continuano ad essere realizzati sia nella diagnosi che nella terapia di molte patologie cardiovascolari, grazie ai risultati di ricerche di biologia molecolare, di studi sperimentali di fisiopatologia, di indagini epidemiologiche e soprattutto di studi clinici. Ovviamente, l’attuale pandemia di COVID-19 è argomento di discussione per le sue manifestazioni cliniche in campo cardiovascolare, polmonare e cerebrale.

I molteplici aspetti della prevenzione, diagnosi e terapia della cardiopatia ischemica sono oggetto di varie relazioni; in particolare le problematiche diagnostiche e terapeutiche che un paziente con sindrome coronarica acuta o con pregresso infarto miocardico pongono giornalmente al medico, sono esaminate alla luce dei risultati delle ultime ricerche sia cliniche che sperimentali. I sorprendenti risultati della cardiologia interventistica e gli attuali aspetti della loro interazione con la cardiochirurgia, per quanto riguarda sia la cardiopatia ischemica che le valvulopatie, sono oggetto di interessante confronto, come anche il riesame critico della fisiopatologia e della terapia dello scompenso cardiaco, la cui prevalenza tende sempre più ad aumentare proprio come conseguenza dei continui progressi nel trattamento della cardiopatia ischemica.

Le problematiche relative alla diagnosi ed al trattamento di varie manifestazioni di aterosclerosi subclinica, sia della cardiopatia ischemica o ipertensiva che della fibrillazione atriale e delle cardiomiopatie saranno sicuramente utili per la quotidiana realtà di un cardiologo nel suo lavoro come la denervazione delle arterie renali, la dissezione delle coronarie, la sigaretta elettronica, l’ischemia silente, il “Time is brain” nell’ICTUS.

Le più recenti acquisizioni in tema di fisiopatologia, diagnosi e trattamento delle valvulopatie aortiche e mitraliche, le problematiche insorte sul target del trattamento antipertensivo particolarmente nell’anziano, nonché il cambiamento dell’orizzonte terapeutico nel diabete mellito e nell’ipercolesterolemia con in nuovi farmaci ipoglicemizzanti e ipolipidemizzanti saranno trattati con ricadute pratiche delle recenti acquisizioni.